Università Cattolica del Sacro Cuore Millennium Unicatt DocTA DocTA DocTA  

DocTA - Doctoral Theses Archive >
Tesi di dottorato >
CORSO DI DOTTORATO IN CRIMINOLOGIA AFFERENTE ALLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE SOCIALI >

Citation:
Please use this identifier to cite or link to this item:
Lo Iacono, Eva. "THE GREY AREAS IN TRAFFICKING OF NIGERIAN WOMEN: FROM TRAFFICKED WOMEN TO PERPETRATOR OF TRAFFICKING", Università Cattolica del Sacro Cuore, XXVI ciclo, a.a. 2012/13, Milano, [http://hdl.handle.net/10280/2458].

Title: THE GREY AREAS IN TRAFFICKING OF NIGERIAN WOMEN: FROM TRAFFICKED WOMEN TO PERPETRATOR OF TRAFFICKING
Author: LO IACONO, EVA
Supervisor: VAN DE BUNT, HENK
Language: ENG
Italian Abstract: Non esistono dati statistici certi sul numero totale di donne nigeriane trafficate annualmente in Italia ed introdotte nel mercato del sesso. Di fronte a questo ampio numero oscuro, bisogna porsi delle domande: cosa succede alla vittima di tratta quando non trova alcuna forma di aiuto o assistenza sociale? Cosa avviene quando non riesce ad uscire dal mercato del sesso? Secondo testimoni diretti e fonti ufficiali, tra le attuali madams vi sono anche ex vittime che hanno fatto carriera nella gerarchia della tratta e dentro le organizzazioni criminali. La mobilità femminile verso il lato gestionale di questo crimine rappresenta la caratteristica più rilevante della tratta di matrice nigeriana: vale a dire, le vittime sono condotte nel corso del tempo a svolgere una parte attiva nel complesso progetto criminale. Questo elemento distintivo al modello nigeriano richiede un’analisi approfondita, tramite nuovi approcci intesi a sottolineare: a) le aree grigie del mercato della tratta; b) i ruoli intermedi che gli individui ricoprono all'interno del modello vittima/reo; c) la mobilità femminile nella gerarchia dei gruppi criminali. Attraverso metodi di stampo antropologico, questo contributo intende effettuare una analisi più approfondita sui molteplici ruoli delle donne nel mercato della tratta umana.
English Abstract: There are not clear figures regarding the group of Nigerian women who are lured annually in the sex market in Italy. Facing such a dark number, several questions on the lives of these unknown women arise: What happens to the trafficking victims who do not find any form of social aid or assistance? What happens when the former trafficked women are not able to exit from the trade industry? According to eyewitness accounts as well as official sources, some current madams were trafficked women in the past. They made a career in the trafficking hierarchy and its organised crime groups. The female mobility towards the organisational side of the trafficking offence represents the most striking characteristic of Nigerian trade industry; that is, the victims are included by their persecutors as active part of a more complex criminal project. Such a distinctive element of Nigerian criminal model needs to be analysed through new approaches aimed at highlighting: a) the grey areas in the trade industry; b) the intermediate roles within the victim/offender model; c) the female vertical mobility in the trafficking hierarchy. Through an ethnographic methodological framework, this study wants to analyse the multiple female roles in the trafficking industry.
Defense Date: 24-Feb-2014
URI: http://hdl.handle.net/10280/2458
Appears in Collections:CORSO DI DOTTORATO IN CRIMINOLOGIA AFFERENTE ALLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE SOCIALI

Files in This Item:

File Description SizeFormatFull-text availability
tesiphd_completa_LoIacono.pdf1,36 MBAdobe PDFView/Open
01_frontespizio_tesiphd_LoIacono.pdffrontespizio e indice282,31 kBAdobe PDFView/Open


Access and Use of Materials in DocTA




 

DocTA è un servizio dell'Università Cattolica del Sacro Cuore realizzato in collaborazione con CINECA
© 2011 UCSC - Tutti i diritti riservati - Powered by DSpace Software - Feedback