Università Cattolica del Sacro Cuore Millennium Unicatt DocTA DocTA DocTA  

DocTA - Doctoral Theses Archive >
Tesi di dottorato >
CORSO DI DOTTORATO IN SCIENZE DELLA PERSONA E DELLA FORMAZIONE >

Citation:
Please use this identifier to cite or link to this item:
Serrano, Malaika. "EDUCATION ABROAD FOR ALL: MOVING BEYOND DEFICIT NARRATIVES AND AMPLIFYING THE VOICES OF HISTORICALLY MARGINALIZED STUDENTS", Università Cattolica del Sacro Cuore, XXXV ciclo, a.a. 2021/22, Milano, [http://hdl.handle.net/10280/161116].

Title: EDUCATION ABROAD FOR ALL: MOVING BEYOND DEFICIT NARRATIVES AND AMPLIFYING THE VOICES OF HISTORICALLY MARGINALIZED STUDENTS
Author: SERRANO, MALAIKA
Tutor: JONES, ELSPETH
TRAN, LY
Supervisor: MARCHETTI, ANTONELLA
Language: ENG
Italian Abstract: Per molte generazioni, le opportunità di studio all'estero sono state accessibili solo agli studenti più privilegiati dell'istruzione superiore (Brewer & Ogden, 2018; Hoffa, 2007; Mukherjee, 2012). Con il progressivo ingresso della società nel XXI secolo, il governo degli Stati Uniti ha riconosciuto il valore dei programmi di mobilità internazionale degli studenti (Contreras, 2015). Un numero crescente di istituti di istruzione superiore in tutto il mondo sta incorporando lo studio all'estero nei propri piani di internazionalizzazione. Negli Stati Uniti, sebbene siano stati fatti alcuni progressi nel numero effettivo di studenti che si recano all'estero, la partecipazione degli studenti storicamente emarginati (ad esempio, gli studenti di colore) rimane sproporzionatamente bassa rispetto alla rappresentanza complessiva nell'istruzione superiore (Hanson, 2022; Institute of International Education, 2021; NAFSA, 2021). Lo scopo di questo studio è stato quello di comprendere più a fondo le condizioni istituzionali che sostengono od ostacolano la partecipazione a programmi di studio all'estero degli studenti provenienti da comunità storicamente emarginate. Sebbene siano stati condotti numerosi studi sulla scarsa partecipazione agli studi all'estero da quando la dottoressa Johnnetta B. Cole, all'epoca presidente dello Spelman College, tenne un discorso avvincente alla viii conferenza del 1990 del Council on International Educational Exchange, l'attenzione si è concentrata principalmente sulle caratteristiche individuali degli studenti (ad esempio, status socioeconomico, studenti universitari di prima generazione) come causa di una minore partecipazione agli studi all'estero. La motivazione dei tassi di partecipazione più bassi è stata spiegata da una prospettiva di deficit (ad esempio, mancanza di mezzi finanziari o di sostegno familiare). Questa prospettiva sminuisce la responsabilità degli amministratori istituzionali e dei docenti nell'affrontare il problema. Lo studio si è svolto presso la Rocky Mountain University (RMU),1 un'istituzione d'istruzione superiore con classificazione R1 Carnegie (cioè ad alta intensità di ricerca e di dottorato) negli Stati Uniti, con una lunga storia di formazione all'estero. Hanno preso parte allo studio 22 partecipanti che si sono identificati come corrispondenti a uno o più criteri: (a) neri, indigeni, persone di colore (BIPOC); (b) studenti universitari di prima generazione; (c) studenti con elevate esigenze finanziarie; e/o (d) studenti in età matura. Tutti i partecipanti erano stati accettati in un programma di studio all'estero. Questo progetto è unico nel suo genere poiché è incentrato sulle esperienze di studenti emarginati che hanno fatto domanda e sono stati accettati in un programma di studio all'estero e che si sono ritirati dopo l'accettazione o hanno studiato all'estero. Questo particolare momento del ciclo di vita di uno studio all'estero è stato poco studiato e rappresenta quindi una lacuna nella conoscenza collettiva del settore dell'istruzione internazionale. Uno dei risultati dello studio è stata la creazione di domande guida e raccomandazioni per la comunità dell'istruzione all'estero per ridurre i divari di equità nell'istruzione all'estero e ampliare la partecipazione alla mobilità degli studenti
English Abstract: For generations, study abroad opportunities were only accessible to the most privileged students in higher education (Brewer & Ogden, 2018; Hoffa, 2007; Mukherjee, 2012). As society has moved into the 21st century, the U.S. government has recognized the value of funding international student mobility programs (Contreras, 2015). An increasing number of higher education institutions around the world are incorporating study abroad into their internationalization plans. In the United States, although some gains have been made in the actual numbers of students studying abroad, participation from historically marginalized students (e.g., students of color) remains disproportionately low compared to overall representation in higher education (Hanson, 2022; Institute of International Education, 2021; NAFSA, 2021). The purpose of this study was to gain a deeper understanding of institutional conditions that support or hinder study abroad participation for students from historically marginalized communities. Although there have been a number of studies on underrepresentation in education abroad since Dr. Johnnetta B. Cole, then president of Spelman College, gave a riveting address at the 1990 Council on International Educational Exchange Conference, their focus has primarily centered around individual student characteristics (e.g., socioeconomic status, first-generation college student) as the reason for lower participation numbers. The rationale for lower participation rates has been explained from a deficit perspective (e.g., lacking financial means or not receiving family support). This perspective diminishes the responsibility of institutional administrators and faculty in addressing the issue. The study took place at Rocky Mountain University (RMU),1 a R1 Carnegie Classification Institution of Higher Education (i.e., research intensive and doctoral granting institution) in the United States, with a long-standing history of education abroad. A total of 22 participants took part in the study, who identified as meeting one or more criteria: (a) Black, Indigenous, People of Color (BIPOC); (b) first-generation college student; (c) high financial need student; and/or (d) mature-aged student. All participants had been accepted on a study abroad program. This project was unique because it centered on the experiences of marginalized students who applied and were accepted into a study abroad program and either withdrew post acceptance or did study abroad. This particular moment in time in the study abroad lifecycle has been under researched; therefore, it represents a gap in the collective knowledge of the international education field. An outcome of the study was the creation of guiding questions and recommendations for the education abroad community to reduce equity gaps in education abroad and widen participation in student mobility.
Defense Date: 28-Jun-2023
URI: http://hdl.handle.net/10280/161116
Appears in Collections:CORSO DI DOTTORATO IN SCIENZE DELLA PERSONA E DELLA FORMAZIONE
FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

Files in This Item:

File SizeFormatFull-text availability
Malaika Serrano Thesis.pdf1,46 MBAdobe PDFView/Open


Access and Use of Materials in DocTA




 

DocTA è un servizio dell'Università Cattolica del Sacro Cuore realizzato in collaborazione con CINECA
© 2011 UCSC - Tutti i diritti riservati - Powered by DSpace Software - Feedback