Università Cattolica del Sacro Cuore Millennium Unicatt DocTA DocTA DocTA  

DocTA - Doctoral Theses Archive >
Tesi di dottorato >
CORSO DI DOTTORATO IN ECONOMIA E FINANZA >

Citation:
Please use this identifier to cite or link to this item:
Orsini, Cesare. "ESSAYS ON ASSET PRICING", Università Cattolica del Sacro Cuore, XXXI ciclo, a.a. 2017/18, Milano, [http://hdl.handle.net/10280/67357].

Title: ESSAYS ON ASSET PRICING
Author: ORSINI, CESARE
Tutor: BECCALLI, ELENA
Supervisor: FEMMINIS, GIANLUCA
Language: ENG
Italian Abstract: Questa tesi comprende due saggi. Il saggio 1 si concentra sull'effetto del rischio macroeconomico su Value Premium. In questo documento, esaminiamo in che misura il Value Premium è influenzato dalla percezione del rischio macroeconomico da parte dell'investitore. Indaghiamo l'impatto dell'effetto macro sui multipli fondamentali che risulta dalla decomposizione market-to-book di Rhodes-Kropf Robinson e Viswanathan (2005). Poiché questi multipli contengono le aspettative degli investitori sia sui tassi di crescita sia sui tassi di sconto, le loro stime variabili nel tempo dovrebbero acquisire informazioni sul sentimento dell'investitore in merito alle prospettive economiche. Scopriamo che il rendimento del Tesoro a 10 anni e la pendenza della Struttura a termine hanno un impatto significativo su diversi multipli fondamentali con un conseguente effetto sulla stima del valore intrinseco dell'impresa. La nostra configurazione empirica ci consente di stimare i componenti di mercato per libro utilizzando valori fondamentali solidi che sono ortogonali agli effetti dell'incertezza macroeconomica. Il nostro risultato chiave è che quando eliminiamo l'effetto delle aspettative degli investitori sullo scenario economico, il premio di valore premia, quasi interamente, il rischio dimensionale. Adeguandosi all'esposizione dimensionale, i multipli di contabilità ortogonale rimuovono l'effetto macro riducendo il rendimento in eccesso di una valutazione errata. Saggio 2 si concentra sull'effetto dei vincoli di leva sul Value Premium. Introduciamo una giustificazione teorica basata sull'avversione dell'investitore nei confronti della leva finanziaria (Frazzini e Pedersen, 2014) e fornendo prove empiriche sulla connessione dell'anomalia a bassa beta e sui rendimenti superiori ottenuti dalle azioni di valore. Studiamo le variazioni nelle serie temporali beta di portafogli ordinate in base al componente stimato dalla decomposizione market-to-book di Rhodes-Kropf Robinson e Viswanathan (2005). Scopriamo che in media i portafogli sottovalutati hanno una beta variabile nel tempo più piccola rispetto a sopravvalutata. Indaghiamo anche la sensibilità della componente di svalutazione delle azioni a bassa beta rispetto ai macro proxy delle condizioni di finanziamento. Coerentemente con la teoria dell'avversione alla leva finanziaria, i risultati empirici mostrano un'interazione negativa tra questa componente e le condizioni di finanziamento che confermano l'effetto negativo sui prezzi per le azioni low-beta quando aumentano le restrizioni sulla leva finanziaria. , costruiamo strategie long-short basate sulla componente di valutazione errata del market-to-book. Il nostro risultato empirico chiave è che l'eccesso di rendimento della componente market-to-book, più attribuibile al prezzo errato dell'impresa, è influenzato negativamente dal peggioramento delle condizioni di finanziamento. Questa evidenza supporta la teoria dell'avversione della leva finanziaria nella spiegazione del rendimento superiore di portafogli sottovalutati.
English Abstract: This thesis includes two essays. Essay 1 concentrates on the effect of macroeconomic risk on Value Premium. In this paper, we examine to what extent the Value Premium is affected by the investor's perception of macroeconomic risk. We investigate the impact of the macro effect on the fundamental multiples which results from the market-to-book decomposition of Rhodes-Kropf Robinson, and Viswanathan (2005). Since these multiples contain investor's expectations both on growth rates and discount rates their time-varying estimates should capture information on the investor's sentiment about economic perspectives. We find that 10 Year Treasury yield and the slope of Term Structure have a significant impact on several fundamental multiples with a consequential effect on the estimate of firm intrinsic value. Our empirical setup allow us to estimate market-to-book components by using firm fundamental values which are orthogonal to the effects of macroeconomics uncertainty. Our key result is that when we remove the effect of investor's expectations on the economic scenario the value premium rewards, almost entirely, the size risk. Adjusting for the size exposure, orthogonal accounting multiples remove the macro effect reducing the excess return of firm misvaluation. Essay 2 focuses on the effect of leverage constraints on the Value Premium. We introduce a theoretical justification based on investor's aversion to leverage (Frazzini and Pedersen, 2014) and by providing empirical evidence about the connection of low-beta anomaly and the superior returns earned by value stocks. We study variations in beta time-series of portfolios sorted on the component estimated by the market-to-book decomposition of Rhodes-Kropf Robinson, and Viswanathan (2005). We find that on average undervalued portfolios have a smaller time-varying beta than overvalued. We also investigate the sensitivity of the misvaluation component of low-beta stocks to macro proxies of funding conditions. Consistently with Leverage Aversion Theory, empirical results show a negative interaction between this component and funding conditions confirming the negative effect on prices for low-beta stocks when leverage constraints increase.To test the effect of leverage constraints on the excess return originated by the firm's mispricing, we construct long-short strategies based on the misvaluation component of market-to-book.Our key empirical result is that the excess return of the market-to-book component, most attributable to the firm's mispricing, is negatively affected by the worsening of funding conditions. This evidence supports the Leverage Aversion Theory in explaining the superior return of undervalued portfolios.
Defense Date: 10-Oct-2019
URI: http://hdl.handle.net/10280/67357
Appears in Collections:CORSO DI DOTTORATO IN ECONOMIA E FINANZA
FACOLTA' DI ECONOMIA

Files in This Item:

File SizeFormatFull-text availability
tesiphd_completa_Orsini.pdf720,29 kBAdobe PDFunder embargo


Access and Use of Materials in DocTA




 

DocTA è un servizio dell'Università Cattolica del Sacro Cuore realizzato in collaborazione con CINECA
© 2011 UCSC - Tutti i diritti riservati - Powered by DSpace Software - Feedback