Università Cattolica del Sacro Cuore Millennium Unicatt DocTA DocTA DocTA  

DocTA - Doctoral Theses Archive >
Tesi di dottorato >
CORSO DI DOTTORATO IN SCIENZE STORICHE, FILOLOGICHE E LETTERARIE DELL'EUROPA E DEL MEDITERRANEO >

Citazione:
Utilizza queste indicazioni per citare o creare un link a questo documento.
Rondena, Elena. "La letteratura concentrazionaria", Università Cattolica del Sacro Cuore, XX ciclo, a.a. 2006/07, Milano, [http://hdl.handle.net/10280/290].

Titolo: La letteratura concentrazionaria
Autore/i: RONDENA, ELENA
Tutor: ELLI, ENRICO
Coordinatore: BEARZOT, CINZIA
Lingua: ITA
Abstract in italiano della tesi: Affrontando lo studio della Letteratura Italiana risulta evidente l'omissione dai manuali, ad eccezione di Primo Levi, degli scritti di coloro che sono stati deportati tra il 1939 e il 1945 in seguito alle persecuzioni razziali. Il tempo trascorso dalla Shoah ha, invece, dimostrato la presenza di un ingente quantità di opere che costituiscono il corpus della Letteratura Concentrazionaria, ossia la letteratura dei campi di concentramento. Gli autori di questa letteratura sono poco conosciuti e considerati minori, ma la loro scrittura raggiunge spesso un'ineguagliabile altezza intellettuale, morale, stilistica. La narrazione dei loro ricordi traumatici è il risultato di precise decisioni: quali fatti raccontare, in che ordine cronologico, ma soprattutto attraverso quale forma. Questi testi concentrazionari, infatti, possono essere studiati da diversi punti di vista, quello più inusuale è la divisione per generi: racconto, autobiografia, saggio, romanzo, diario, lettera, poesia. Non sempre la distinzione fra questo o quel genere è netta, ma è molto significativo che a partire da una tragedia, quale l'Olocausto, si possa scegliere di raccontare la propria esperienza prestando attenzione al modo di esprimerla. È il primo segno che dimostra quanto anche di fronte al male l'uomo non perda il desiderio di ricercare il vero ed il bello.
Abstract in inglese: Such a long time has passed since the end of the Shoah and it has become clear that there are a lot of works written in those years which now form the corpus of literature based on the experiences in concentration camps. The authors of these works are not very well-known and they are usually considered minor but their works have often reached highly intellectual, moral and stylistic results. The narration of their traumatic memories is the result of precise decisions, i.e. what to tell, in what chronological order, but especially in what forms. The texts based on the experiences in concentration camps can in fact be studied from different points of view. The most unusual is their study through genres: short story, autobiography, essay, novel, journal, letter, poetry. The distinction between one genre and another is not often clear-cut. What is interesting to underline is that in front of a tragedy, as the Holocaust was, it is possible to choose to tell one's own experience by paying special attention to the way of expressing it. This is evidence that in front of evil man does not ever lose the desire to look for truth and beauty.
Data di discussione: 10-apr-2008
URI: http://hdl.handle.net/10280/290
È visualizzato nelle collezioni:FACOLTA' DI LETTERE E FILOSOFIA
CORSO DI DOTTORATO IN SCIENZE STORICHE, FILOLOGICHE E LETTERARIE DELL'EUROPA E DEL MEDITERRANEO

File in questo documento:

File DimensioniFormatoAccessibilità
#appendice1.pdf43,98 kBAdobe PDFnon consultabile
#appendice2.pdf33,52 kBAdobe PDFnon consultabile
#bibliografia.pdf143,67 kBAdobe PDFnon consultabile
#IndicedeiNomi.pdf44,15 kBAdobe PDFnon consultabile
#notiziebiografiche.pdf79,12 kBAdobe PDFnon consultabile
01frontespizio.pdf93,54 kBAdobe PDFnon consultabile
02capitolo1PrimaParte.pdf204,9 kBAdobe PDFnon consultabile
03capitolo2PrimaParte.pdf168,9 kBAdobe PDFnon consultabile
04capitolo3PrimaParte.pdf187,81 kBAdobe PDFnon consultabile
05capitolo1SecondaParte.pdf188,92 kBAdobe PDFnon consultabile
06capitolo2SecondaParte.pdf179,82 kBAdobe PDFnon consultabile
07capitolo3SecondaParte.pdf134,21 kBAdobe PDFnon consultabile
08capitolo4SecondaParte.pdf160,35 kBAdobe PDFnon consultabile
09capitolo5SecondaParte.pdf193,42 kBAdobe PDFnon consultabile
10capitolo6SecondaParte.pdf163,53 kBAdobe PDFnon consultabile
11capitolo7SecondaParte.pdf122,27 kBAdobe PDFnon consultabile
12conclusione.pdf61,9 kBAdobe PDFnon consultabile
testo_completo.pdf1,61 MBAdobe PDFnon consultabile


Accesso e utilizzo dei contenuti di DocTA




 

DocTA è un servizio dell'Università Cattolica del Sacro Cuore realizzato in collaborazione con CINECA
© 2011 UCSC - Tutti i diritti riservati - Powered by DSpace Software - Feedback