Università Cattolica del Sacro Cuore Millennium Unicatt DocTA DocTA DocTA  

DocTA - Doctoral Theses Archive >
Tesi di dottorato >
CORSO DI DOTTORATO IN CRIMINOLOGIA AFFERENTE ALLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE SOCIALI >

Citazione:
Utilizza queste indicazioni per citare o creare un link a questo documento.
Bartoletti, Silvia. "CRIME AND SOCIAL INDICATORS: MEASURING THE ASSOCIATION AND COMPARING TRENDS", Università Cattolica del Sacro Cuore, XXVI ciclo, a.a. 2012/13, Milano, [http://hdl.handle.net/10280/2455].

Titolo: CRIME AND SOCIAL INDICATORS: MEASURING THE ASSOCIATION AND COMPARING TRENDS
Autore/i: BARTOLETTI, SILVIA
Tutor: AEBI, MARCELO
Coordinatore: VAN DE BUNT, HENK
Lingua: ENG
Abstract in italiano della tesi: La misurazione del crimine in Europa è difficile a causa delle diverse definizioni giuridiche dei reati e dalle differenti metodologie utilizzate per la raccolta di dati nei paesi Europei. L’Unione Europea produce indicatori strutturali in grado di misurare e confrontare le caratteristiche dei paesi: gli indicatori sociali possono aiutare a monitorare e analizzare le condizioni di vita e la qualità della vita e a contestualizzare il crimine descrivendo l’Europa d oggi. Sulla base di tre macro teorie criminologiche (modernizzazione, civilizzazione e opportunità) alcuni indicatori sociali sono selezionati e incrociati con i livelli di crimine così da poter identificare dei fattori di rischio per le diverse tipologie di reati e per valutare la validità di queste teorie in Europa. Infine l’uso di tecniche statistiche avanzate (cluster analysis) permetterà di identificare degli insiemi omogenei di paesi, per poter analizzare e confrontare l’andamento temporale tra i fattori di rischio identificati e il crimine in Europa.
Abstract in inglese: Measuring crime in Europe is problematic because many different legal concept definitions and statistic collecting practices have been embraced in each country. In recent years, numerous efforts have been made to further this overarching goal and today, there are sources that present more comparable information on crime in Europe. At the same time, the European Union has produced broadly agreed upon structural indicators, called ‘social indicators’, to systematically report, monitor, and analyze living conditions and quality of life. These indicators help to contextualize crime by describing and relating to today’s European realities. On the basis of three macro theoretical paradigm indicators (the civilization theory, modernization theory, and opportunity theory), a set of social indicators will be selected and cross-examined with crime rates recorded in Europe. This endeavour will first test the relationship between the social indicators and different types of crimes in order to assess the validity of the theoretical frameworks across Europe as a whole. Second, it will identify a set of risk factors for the selected types of crimes. After that, using advanced statistical techniques (cluster analyses) to identify homogeneous sets of countries across Europe, the comparison will take into account the evolution of crime levels in two selected, averaged periods between 1990 and 2007. Crime trends will be compared and cross-checked with social indicator tendencies to explain crime variations over time.
Data di discussione: 24-feb-2014
URI: http://hdl.handle.net/10280/2455
È visualizzato nelle collezioni:CORSO DI DOTTORATO IN CRIMINOLOGIA AFFERENTE ALLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE SOCIALI

File in questo documento:

File DimensioniFormatoAccessibilità
tesiphd_completa_Bartoletti.pdf1,68 MBAdobe PDFVisualizza/apri


Accesso e utilizzo dei contenuti di DocTA




 

DocTA è un servizio dell'Università Cattolica del Sacro Cuore realizzato in collaborazione con CINECA
© 2011 UCSC - Tutti i diritti riservati - Powered by DSpace Software - Feedback